Skip to Content

Dorothea Wierer chi è, Campionessa Mondiale, altezza, peso, marito, medaglie, Instagram

Dorothea Wierer

Dorothea Wierer (Fonte: Instagram)

Donna tenace e caparbia, oltre che dotata di una bellezza unica e inconfondibile, una delle sportive italiane più vincenti nella sua particolare disciplina, stiamo parlando ovviamente di Dorothea Wierer, fisico statuario e mente fredda per affrontare al meglio le difficoltà che le si parano davanti durante una gara.

Dorothea Wierer chi è?

Se vi piacciono le Olimpiadi invernali e gli sport che si praticano sulla neve, vi sarà capitato sicuramente di vedere gareggiare questa strepitosa atleta italiana e magari di domandarvi, chi è Dorothea Wierer? State sereni, ve lo sveliamo subito.

È una biatleta italiana che veste i colori della nazionale e fa parte della squadra delle fiamme gialle.

Nella sua incredibile carriera è stata tre volte Campionessa Mondiale, sia a livello individuale che anche in staffetta femminile; inoltre, per ben due occasioni ha vinto la Coppa del Mondo di biathlon.

Per di più, è considerata attualmente la più grande esponente femminile di questa specialità, tanto da essere soprannominata con il meritato appellativo di regina del biathlon, oltre che la terza atleta della storia ad aver vinto in tutti i sette formati di gara di categoria, dopo gli specialisti francesi Martin Fourcade e Marie Dorin.

Nel nostro puntuale articolo odierno, andremo a scoprire tutto sulla vita privata e sulla impressionante carriera di questa atleta sensazionale, che sta battendo tutti i record di settore.

Dorothea Wierer biografia

Anche voi siete curiosi di sapere dove è nata Dorothea Wierer? Continuate a leggere questo interessante articolo e lo saprete immediatamente.

La Wierer è nata a Brunico, un piccolo paese in provincia di Bolzano, in Trentino-Alto Adige, il 3 aprile del 1990, ed è del segno zodiacale dell’Ariete.

Quindi, riguardo all’età di Dorothea Wierer ha 33 anni compiuti.

Non solo è dotata di una grande bellezza ma di un incredibile fisico che le consente, grazie ad un’ottima concentrazione, di ottenere importanti risultati nella sua disciplina.

È alta 160cm e il suo peso si aggira intorno ai 57 kg.

Cresciuta ad Anterselva, sin da piccola si avvicina al mondo degli sci, anche con l’aiuto della sua famiglia, di cui ha parlato in alcune interviste rilasciate qualche tempo fa.

Infatti, l‘amore per il biathlon, glielo hanno trasmesso i due fratelliRobert, nato nel 1984 e Richard, del 1991.

L’atleta altoatesina ha anche due sorelle, di nome Caroline e Magdalena, nate nel 2001. Quest’ultima, potrebbe gareggiare proprio contro la sorella maggiore Dorothea Wierer, visto che parrebbe molto brava.

Come si chiamano i suoi genitori?

I genitori della regina azzurra del biathlon sono Alfred Wierer il padre e Irmgard la mamma.

Instagram

Molto attiva anche sui canali social, in particolare su Instagram Dorothea Wierer (@dorothea_wierer), dove vanta più di 600 mila followers.

Sul suo profilo, la campionessa condivide, spesso e volentieri, foto in merito alle sue vittorie, scatti che la vedono nella sua vita quotidiana, video dei suoi allenamenti che le permettono di stare sempre in ottima forma, e anche dei post sulla vita personale insieme alla sua famiglia e con degli amici.

Dorothea Wierer marito

Un vero orgoglio nazionale, la biatleta italiana più vincente della storia è sposata con Stefano Corradini, allenatore ed ex alteta di sci di fondo e responsabile del Comitato FISI Trentino.

In carriera, il marito di Dorothea Wierer ha preso parte più volte alla Coppa Continentale di salto con gli sci. È anche un grande appassionato di corsa e di mountain bike.

Come tale, il matrimonio di Dorothea Wierer e Stefano Corradini è avvenuto nel 2015, dopo essersi conosciuti anni prima nella caserma delle Fiamme gialle. Presto il loro rapporto è diventato amore.

Per il momento, la coppia non ha figli.

Carriera

Dopo una lunga gavetta disputando campionati giovanili e juniores, Dorothea Wierer, esordisce nel gennaio del 2009 nella Coppa del Mondo, partecipando alla sprint di Oberhof, classificandosi al 69esimo posto.

Nella stagione 2014-2015 vince due argenti e un bronzo nelle tappe di Coppa del Mondo, e si piazza al settimo posto nella classifica generale.

Inoltre, ai Mondiali di Kontiolahti, nel 2015, conquista la medaglia di bronzo nella staffetta femminile, insieme alle compagne di squadra Vittozzi, Oberhofer e Gontier.

Dorothea Wierer medaglie

All’inizio del 2016 a Östersund, nella gara individuale, Dorothea Wierer ottiene la prima delle sue tante vittorie, in Coppa del Mondo.

Qualche giorno dopo, conquista la medaglia d’oro nella staffetta di categoria, ad Hochfilzen.

Nella stessa stagione, ottiene altre due vittorie nell’individuale di Ruhpolding e nella partenza in linea di Canmore.

Dorothea Wierer Mondiali

Dopodiché, partecipa ai Mondiali di Oslo Holmenkollen, dove si aggiudica la prima medaglia individuale della carriera, arrivando seconda nell’inseguimento, dopo la tedesca Laura Dahlmeier.

Sempre in quella stagione, Dorothea Wierer vince un altro premio importante, ovvero la Coppa del Mondo nella categoria di gara individuale.

Nel 2018, partecipa e si aggiudica l’individuale di Ruhpolding, poco prima di prendere parte alle Olimpiadi.

L’anno dopo, nel 2019, vince la Coppa del Mondo di partenza in linea e diviene La donna più titolata per numero di vittorie.

Nella stagione 2020-2021, conclude al quinto posto della classifica finale della Coppa del Mondo Sci e si aggiudica, ex aequo con l’atleta austriaca Lisa Theresa Hauser, la specialità individuale.

Successivamente nel febbraio del 2022, ai Giochi Olimpici di Pechino, vince la medaglia di bronzo nella gara individuale di sprint.

Mondiali Oberhof 2023

Quest’anno, durante i mondiali 2023 disputati ad Oberhof, l’atleta altoatesina ha vinto la medaglia d’oro nella staffetta femminile e la medaglia d’argento in quella mista.

Per ultimo, Dorothea Wierer nella sua straordinaria carriera ha conquistato ben 63 podi, sia in individuale che in squadra, tra Olimpiadi e la Coppa del Mondo.

Gossip Chi, La Redazione 

© RIPRODUZIONE RISERVATA