Skip to Content

Carla Fracci chi era la leggendaria Etoile della Scala, marito, film, morte

Carla Fracci era una ballerina di grande spessore internazionale che ha scritto pagine indelebili nella cultura e nell’arte del nostro paese. Artista sublime e talentuosa che ha contribuito a far conoscere l’Italia in tutto il mondo.

Scomparsa da qualche anno, ci ha lasciato in eredità delle performance strepitose che difficilmente verranno eguagliate. Nel nostro consueto appuntamento, andremo ad analizzare la vita privata e la straordinaria carriera di questa star della danza classica.

Carla Fracci
Carla Fracci

Carla Fracci chi era?

Se siete appassionati di opere di grande impatto, con interpreti di primo piano e capacità artistiche e tecniche senza eguali, sicuramente il nome di questa danzatrice iconica non vi sarà nuovo.

La ballerina Carla Fracci è ritenuta una delle più importanti del ventesimo secolo. Dotata di talento cristallino, classe sopraffina ed eleganza innata, nel 1981 è stata definita dalla celebre testata New York Times, la prima ballerina assoluta.

Nella sua lunga e gloriosa attività professionale, l’etoile Carla Fracci, ha avuto la fortuna di lavorare con i primi ballerini più quotati del panorama globale, tra i quali spiccano: Erik Bruhn; il sovietico Rudolf Nureyev, soprannominato il Tartaro volante; John Gilpin; Vladimir Vasiliev; Henning Kronstam; il rumeno Mikhail Baryshnikov; Niels Kehlet; Alexander Godunov; Antonio Gades; Gheorghe Iancu; lo statunitense Daniel Ezralow, che abbiamo visto recentemente nel talent show Amici di Maria De Filippi; Massimo Murru e l’orgoglio italiano, Roberto Bolle.

Oltre che come ballerina, ha avuto esperienze anche come Direttrice di Accademia, visto che dal 1996 al 1997 ha seguito il corpo di ballo dell’Arena di Verona.

Nel 1994 è stata proclamata membro dell’Accademia di Belle Arti di Brera.

Personaggio illustre ed ambasciatrice della danza nel mondo, ha ricevuto diversi premi e prestigiose onorificenze, come: Grande ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana nel 1983, Medaglia d’oro ai benemeriti della cultura e dell’arte nel 2000 e Dama di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica italiana nel 2003.

Su di lei sono stati pubblicati anche diversi libri, sia fotografici che biografici.

Inoltre nel novembre del 2023 è uscito nelle sale cinematografiche un film documentario diretto da Daniele Luchetti dedicato alla leggendaria ballerina, intitolato CODICE CARLA.

Carla Fracci biografia

Carla Fracci, registrata all’anagrafe come Carolina Fracci, è nata a Milano il 20 agosto del 1936 ed è scomparsa nel capoluogo lombardo a causa di un cancro, il 27 maggio del 2021. La camera ardente venne allestita presso il Teatro alla Scala e le sue spoglie riposano nel famedio del Cimitero Monumentale di Milano.

I suoi genitori erano Luigi Fracci, impiegato ATM di origini sarde, e Santa Laura Rocca, operaia presso la mitica Innocenti di Milano.

Aveva una sorella minore, Marisa Fracci, anch’essa ballerina di danza classica.

Appassionata di danza sin da piccola, riuscì ad entrare al Teatro alla Scala, dove studiò duramente per diversi anni.

Carla Fracci
Carla Fracci

L’incontro cruciale fu quello con Margot Fonteyn, prima ballerina assoluta del Royal Ballet, che le permise di sfruttare al massimo le sue doti tecniche e interpretative. Entrata nel 1946, si è diplomata nel 1954.

Carla Fracci età, segno zodiacale

L’età della prima ballerina della Scala al momento della sua dipartita, era di 84 anni compiuti e il suo segno zodiacale era quello del Leone.

L’altezza e il peso della stella della danza erano rispettivamente di 164 cm e di circa 55 kg.

Nel 1997 è stata invitata in qualità di ospite speciale, alla finale del quarantesimo Zecchino d’Oro.

Carla Fracci marito e figlio

Da sempre molto riservata, ha sposato nel 1964, il regista teatrale Beppe Menegatti.

La coppia ha messo al mondo il figlio Francesco, nel 1969.

Il marito di Carla Fracci si è occupato della regia di molte delle opere interpretate dalla raffinata e talentuosa etoile della Scala.

Carriera

Tra gli anni cinquanta e settanta ha lavorato con importanti compagnie estere, come: il London Festival Ballet; il Sadler’s Wells Ballet, attualmente Royal Ballet; il Balletto di Stoccarda e il Balletto reale svedese.

Negli anni sessanta è stata anche ballerina ospite dell’American Ballet Theatre.

Carla Fracci
Carla Fracci

Celebre principalmente per i suoi ruoli romantici e drammatici, spiccano su tutti quelli di Giselle, La Sylphide, Romeo e Giulietta, Coppélia e Medea.

Ha portato in scena opere memorabili, tra le più importanti citiamo: Concerto barocco; Les demoiselles de la nuit; Il gabbiano; Pelléas et Mélisande e Il fiore di pietra.

Nel 1982 è stata la protagonista dello sceneggiato della Rai, Verdi, girato da Renato Castellani e sempre negli anni ottanta, ha diretto il corpo di ballo del Teatro di San Carlo di Napoli.

Dalla fine del 2000 all’estate del 2010 ha diretto il corpo di ballo del Teatro dell’Opera di Roma, dove ha portato in scena sia repertorio tradizionale ed i balletti russi diretti da Sergej Djagilev.

Nel 2008 ha collaborato con la nota band rock Elio e le Storie Tese, nel disco Studentessi, dove ha inciso un intermezzo vocale.

Dal giugno del 2009 alla fine del 2014 ha ricoperto l’incarico di Assessore alla Cultura della Provincia di Firenze.

Nel dicembre del 2013 la casa editrice Arnoldo Mondadori Editore ha pubblicato la sua autobiografia Passo dopo passo, curata da Enrico Rotelli.

È stata inoltre ambasciatrice di Expo 2015 e l’anno seguente ha presentato l’opera editoriale Ballerina, scritta da Roberto Baiocchi, per la quale ha scritto la prefazione e collaborato artisticamente insieme al marito Beppe Menegatti.

Instagram

Su Instagram Carla Fracci sono presenti diverse fanpage della ballerina milanese che pubblicano principalmente foto e video d’archivio.

Uno degli account Instagram più seguiti che omaggia la celebre ballerina Carla Fracci è quello sotto il nome utente @carlafracciita, che viene seguito da quasi diecimila follower.

Gossip Chi, La Redazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA