Skip to Content

Pupi Avati chi è, biografia, carriera, film, libri, moglie

Artista simbolo del panorama cinematografico italiano, di cui è maestro indiscusso, personaggio dotato di grande talento e capacità creativa sopra la media, stiamo parlando naturalmente di Pupi Avati, uomo di cultura che ci invidia tutto il mondo.

Pupi Avati
Maestro indiscusso del cinema italiano

Pupi Avati chi è?

Se siete appassionati di cinema e film d’autore, non potete non conoscere il grande regista Pupi Avati, icona amata e stimata da parecchi anni, sia da pubblico che da parte della critica di settore.

Considerato universalmente come il maestro Pupi Avati, ha alle spalle nella sua lunga e gloriosa carriera, una moltitudine di film di Pupi Avati, che sono ormai diventati dei cult.

Capolavori che negli anni hanno appassionato milioni di spettatori, spaziando per diversi generi, dalla commedia alle pellicole drammatiche, fino ad arrivare persino ai film horror di Pupi Avati.

Nel nostro articolo odierno, analizzeremo la carriera e la vita privata di questa eccellenza del cinema nostrano.

Pupi Avati biografia

Andiamo adesso ad approfondire in modo dettagliato la biografia di Pupi Avati.

Il noto regista è nato a Bologna, in Emilia Romagna, il 3 novembre del 1938, da suo padre Angelo e dalla madre Ines.

Come si chiama Pupi?

Giuseppe Avati, il nome completo all’anagrafe di questo genio del cinema.

Suo padre era un famoso antiquario bolognese di origini calabresi.

Il fratello minore Antonio Avati (classe 1946) è anch’esso uno sceneggiatore e produttore di successo.

Il maestro del cinema ha studiato scienze politiche all’Università degli Studi di Firenze.

Molto appassionato di musica, oltre che di cinema, suonava il clarinetto, tanto che dal 1959 al 1962 ha fatto parte della Doctor Dixie Jazz Band.

Dopo questa esperienza, lavora come rappresentante per la Findus per quattro anni, che definisce i peggiori della sua vita.

Lasciandosi alle spalle questa parentesi sfortunata, capisce che deve dedicarsi completamente al cinema.

Inoltre, è un grande appassionato di calcio e un tifoso sfegatato del Milan.

Pupi Avati età, segno zodiacale

L’età di Pupi Avati è di 85 anni compiuti, nasce sotto Il segno zodiacale dello Scorpione.

Capelli bianchi e occhi castani. In merito all’altezza e peso non sono disponibili informazioni.

Pupi Avati moglie

Il grande regista e scrittore Pupi Avati è sposato da moltissimi anni con Amelia Turri, nata anche lei a Bologna.

I due, che si conoscono fin da ragazzi, hanno avuto tre figli, Mariantonia, del 1966 che fa la regista, Tommaso, nato nel 1969 sceneggiatore, e l’ultimo Alvise, del 1971, animatore 3D.

La coppia viva a Roma, più precisamente in Piazza di Spagna, in un appartamento di 200mq.

Libri di Pupi Avati
Il maestro Pupi Avati è anche scrittore

Libri di Pupi Avati

Regista, produttore e sceneggiatore cinematografico, nel corso della sua interminabile attività professionale Pupi Avati ha scritto anche diversi libri, tra i più conosciuti troviamo:

  • I cavalieri che fecero l’impresa, uscito nel 2000
  • Il cuore altrove e altre storie, edito nel 2002
  • Gli amici del Bar Margherita, da cui è stato tratto anche l’omonimo film con protagonisti Fabio De Luigi, Teo Teocoli e Diego Abatantuono

Fino ad arrivare all’ultimo libro di Pupi Avati, ‘Lei mi parla ancora. Memorie edite e inedite di un farmacista‘, del 2021.

Pupi Avati carriera

Esordisce nel mondo del cinema nel 1968 con la pellicola ‘Balsamus, l’uomo di Satana‘. Nel 1970, gira ‘Thomas e gli indemoniati’.

Dopo queste esperienze formative, nel 1975, comincia a farsi conoscere maggiormente con il film di Pupi Avati, ‘La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone‘, dove lavora con due figure importanti del cinema come Ugo Tognazzi e Paolo Villaggio.

L’anno seguente si cimenta per la prima volta con il genere horror, con la pellicola La casa dalle finestre che ridono, considerato un vero e proprio cult movie.

Negli anni ottanta, gira una serie di film importanti, Impiegati del 1984 e Regalo di Natale, del 1986, dramma sull’amicizia con Diego Abatantuono, Carlo Delle Piane e Gianni Cavina.

Successivamente, nel 2004 verrà girato il seguito intitolato La rivincita di Natale.

Gli anni novanta si aprono con Bix del 1991 (tratto da un libro dello stesso regista) e L’amico d’infanzia, del 1993, che ottiene un grande riscontro.

Nel 2001 è alla regia del film ‘I cavalieri che fecero l’impresa‘, e nel 2003 gira Il cuore altrove con protagonisti Neri Marcorè e Vanessa Incontrada.

Poi, nel 2005 dirige la commedia romantica ‘Ma quando arrivano le ragazze?‘, con un cast di attori italiani di primo livello, come Claudio Santamaria e Vittoria Puccini.

Sempre nello stesso anno, dirige Antonio Albanese, Katia Ricciarelli e Neri Marcorè ne La seconda notte di nozze.

A seguito, nel 2007 è alle prese con il film La cena per farli conoscere, con protagonista ancora Diego Abatantuono insieme a Francesca Neri.

Altro grande titolo, nel 2008, Il papà di Giovanna, seguito nel 2009 da Gli amici del bar Margherita.

Nel 2019 firma l’horror Il signor Diavolo, tratto dal suo romanzo omonimo.

Più tardi, esce la pellicola Lei mi parla ancora nel 2021, interpretato magistralmente da Renato Pozzetto e Stefania Sandrelli. L’opera è stata trasmessa da Sky Cinema, in prima visione assoluta l’8 febbraio del 2021.

Nel settembre del 2022 esce il film Dante, ispirato al libro di Giovanni Boccaccio, sua ultima opera.

Dante Film Pupi Avati
Dante. Film di Pupi Avati, Romanzo Storico

Infine, nella sua straordinaria carriera ha diretto moltissimi film importanti, vincendo numerosi premi tra cui tre David di Donatello.

Oltre a questo, Pupi Avati ha ricevuto il titolo di Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana, ed è stato onorato con la medaglia d’oro ai Benemeriti della Cultura e dell’Arte.

Gossip Chi, La Redazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA